Rapporto sulle attività della ONG Impératif Développement durevole (da aprile a dicembre 2018)

L'IDD ha iniziato le sue attività nella periferia di Kinshasa più precisamente nei comuni di N'Djili e Matete. Con l'aiuto di infermieri qualificati, il DLI ha offerto screening gratuiti per l'ipertensione e il diabete alle persone bisognose. Ha usato poster per educare le persone sui fattori di rischio e sulle sane abitudini alimentari. Dall'ottobre 2018 sono state condotte campagne di sensibilizzazione nei mercati, nelle scuole, negli ospedali per la maternità e nelle chiese della città-provincia di Kinshasa; nelle province di Kongo central e Kwilu. Per raggiungere un gran numero di donne, l'IDD ha aperto una cella a Kikwit nel Kwilu, ed è appena nata una seconda cella a Matadi, nel centro di Kongo. Per raggiungere questo obiettivo, DLI utilizza strumenti di comunicazione come striscioni, poster e megafoni.
 

I. Screening gratuito per ipertensione e diabete

Andando di porta in porta e di casa in casa attraverso i distretti di Matete e N'Djili, le nostre infermiere Achille e Alice hanno effettuato diversi screening e identificato persone bisognose la cui glicemia e / o pressione sanguigna sono alti. Da aprile 2018 ad oggi, le nostre coraggiose infermiere hanno seguito 19 pazienti di cui 13 donne e 6 uomini di età compresa tra 44 e 86 anni. Ogni paziente riceve 2 visite a settimana. I loro livelli di zucchero nel sangue vengono controllati alle 6 del mattino e questo anche prima che Achille e Alice si rechino ai rispettivi luoghi di lavoro. Quindi condividono i compiti per andare rapidamente, i valori ottenuti e le osservazioni sono annotati in un registro fornito a tale scopo.

Tabella che rappresenta i pazienti cronicamente malati monitorati dal DLI

Donne

Uomini

Persone malate

Diabete

3

2

5

HTA

10

4

14

13

6

19

  


Tuttavia, sono molte le difficoltà incontrate sul campo nello svolgimento di questo lavoro. Possiamo citare tra gli altri:

  • Nei ghetti di Kinshasa il rischio di incontrare i "kulunas", bande che attaccano con i machete, è altissimo. I nostri infermieri escono di casa intorno alle 5.30 per poter effettuare i primi esami glicemici alle 6 del mattino;

  • Quartieri spesso allagati durante la stagione delle piogge e che non consentono visite ai malati;

  • Alto rischio di folgorazione;

  • Quartieri isolati dalla mancanza di infrastrutture stradali, che costringono i nostri infermieri a percorrere lunghe distanze a piedi;

  • Strade in pessime condizioni o impraticabili nelle zone rurali;

  • L'impossibilità di ottenere il servizio di ambulanza in caso di emergenza;

  • Nelle zone isolate, l'evacuazione di un paziente in stato di emergenza in un centro ospedaliero viene effettuata sulle spalle di familiari o persone di buona volontà che si alternano per trasportarli; o su una motocicletta;

  • Il counselling ha scarso effetto perché, essendo privato, il paziente mangia male, mangia tardi, mangia spesso ciò che gli è proibito, prende i suoi farmaci con molte interruzioni, si accontenta di centri sanitari di fortuna e farmaci di dubbia provenienza;

  • I pazienti si imbattono in farmaci contraffatti che vengono loro venduti nelle strade a un costo inferiore.

  • È capitato una volta alle 2 infermiere di utilizzare i propri soldi per evacuare un paziente in stato di emergenza.


II. Campagna ottobre-rosa 2018
Oltre a questo, devi saperne di più.

Iniziata sabato 6 ottobre, la campagna “October-Pink” ha avuto molto successo poiché abbiamo fornito aiuto a molte donne e ragazze che avevano vari sintomi di cancro al seno senza rendersene conto. Erano totalmente inconsapevoli delle sfortunate conseguenze della malattia. Le informazioni ricevute durante la campagna li hanno incoraggiati a essere testati ei risultati sono incoraggianti.

Il giorno in cui è stata lanciata la campagna, 2 ragazze, studentesse, sono venute ad incontrarci per chiedere aiuto. La prima, di nome Bénédicte, ci ha visto passare davanti a casa sua mentre andavamo al mercato Synkin di Bandal. Dopo aver seguito la nostra presentazione, ha capito il pericolo che corre. Ci ha raccontato della sua giovane cugina Sara che vive con lei e che ha anche lui il suo stesso sintomo. Sara, non era ancora andata a fare il test per mancanza di denaro ma l'IDD le ha offerto un consulto alla HBMM

La seconda ragazza che abbiamo incontrato al mercato Synkin era ancora più preoccupata. Ci ha raccontato che più volte ha chiesto alla zia di portarla in ospedale, ma l'ha sempre fatta aspettare. Sfortunatamente, il membro del DLI che le ha parlato non ha preso i suoi dettagli di contatto.

Durante la campagna, IDD ha consigliato il Biamba Marie Mutombo Hospital (HBMM) per test di screening affidabili a un prezzo imbattibile. Bénédicte sta aspettando i risultati della biopsia eseguita su di lei.

Durante la nostra visita alla scuola media mista “Mama Pauline Tati” il 15 ottobre a Bandal, la direttrice è stata felicissima di accoglierci perché era la prima volta che veniva organizzata un'attività educativa di questo tipo nel suo istituto. Ha donato 8.000 FC (5,00 USD) e ci ha chiesto di tornare con altre attività simili. Più di 500 giovani e ragazze sono state sensibilizzate sul cancro al seno

Il 17 ottobre, il nostro team ha visitato il piccolo ospedale di maternità appartenente a una parrocchia protestante a Bandal, il medico-direttore ha chiesto al team IDD di tornare ogni martedì e mercoledì per parlare di cancro al seno alle donne che vengono sia per la consultazione prenatale sia per far vaccinare i propri bambini oa chi è internato nel reparto maternità.

In mezzo alla campagna al mercato Moulaert de Bandal il 20 ottobre, una signora che vendeva verdura ci ha raccontato della sua giovane figlia, anche lei studentessa, che "soffriva di seno" ma che veniva curata dal nativo per mancanza di denaro. DLI ha inviato la nostra supervisore Marie a visitare la ragazza ma non ha ancora avuto la possibilità di incontrarla.

Una signora sulla quarantina, impiegata in banca, che ci aveva seguito quasi per caso, ci ha ringraziato perché dagli esami di screening effettuati su di lei non era emerso altro che una ciste.

Abbiamo anche fatto 2 visite successive al Liceo mons. Dr. Shaumba, la più grande scuola protestante per ragazze della capitale il 10 e 17 novembre. Quasi 1.000 ragazze sono diventate consapevoli dei rischi del cancro al seno. 18 ragazze che credono di avere uno dei sintomi del cancro al seno hanno condiviso individualmente le loro preoccupazioni con noi in privato. Per aiutarli, il team DLI si è preoccupato di annotare i loro nomi, classi e numeri di telefono dei loro genitori. Le giovani ragazze del Liceo Mons. Dr. Shaumba erano molto interessate alle informazioni ricevute sul cancro al seno. Hanno rapidamente memorizzato il motto di controllo della malattia (Osserva-Palpate-Pizzica-in caso di dubbio Consulta) e padroneggiato le azioni che salvano. Siamo rimasti colpiti dalla qualità delle domande poste. Alcuni studenti non hanno esitato a condividere le loro esperienze con le persone affette da cancro al seno nel loro entourage. Cogliendo questa opportunità, il dottor Tshidibu e io li abbiamo incoraggiati ad adottare uno stile di vita sano in termini di dieta e prodotti cosmetici che usano. Inoltre, l'IDD ha chiuso la sua visita al liceo invitando le ragazze a diventare portatrici del nastro rosa continuando a trasmettere informazioni sul cancro al seno in famiglia, a scuola, ovunque per raggiungere un maggior numero di donne.

La signora Pitshouna Bolenga, un'evangelista e facilitatrice IDD, ha parlato con 39 donne seguaci di una chiesa chiamata "Ministero dell'intercessione e dell'evangelizzazione" nella comune di Kingabwa il 25 ottobre. Più tardi quella stessa settimana, ha parlato con un gruppo di 9 vicini nel campo militare di Kokolo dove vive.

Giovedì 29 novembre ho incontrato, quasi per caso, una giovane madre sulla quarantina di nome Perside che è stata operata di cancro al seno 2 anni fa ma che lamenta ancora il dolore. Inoltre, ha una grande massa delle dimensioni di una pallina da ping-pong sotto le ascelle. Ho suggerito che fosse vista all'HBMM, ma lei ha rifiutato, giustificando che questo ospedale è molto costoso. Sono riuscito a convincerla offrendomi di pagare per un consulto e un'ecografia alla HBMM

In tutti i siti visitati dal DLI, i suoi membri hanno dimostrato gesti salvavita e hanno invitato il proprio pubblico a riprodurli.

Al momento, il DLI sta negoziando una partnership con l'HBMM che comporterebbe l'invio di studenti di varie scuole e persone indigenti per esami di screening gratuiti.

Le difficoltà incontrate sono le seguenti:

  • Non esiste una struttura nazionale per la lotta contro il cancro al seno nella Repubblica Democratica del Congo che possa supportare gli sforzi dell'IDD;

  • Diverse autorità municipali non ci hanno concesso il permesso di sensibilizzare al pubblico nonostante le spiegazioni fornite dalla ONG. La corrispondenza e le richieste di audizione sono rimaste senza risposta fino ad oggi;

  • Non sempre comprendendo il significato umanitario del nostro lavoro, il DLI è stato talvolta costretto a dare la mancia per ottenere un servizio;

  • A causa della mancanza di fondi, IDD non è stata in grado di stampare volantini e adesivi che riproducono i sintomi del cancro al seno e dell'autoesame;

  • Le donne che vivono nelle province in cui abbiamo svolto attività di sensibilizzazione devono percorrere lunghe distanze in condizioni difficili per poter essere sottoposte a screening;

  • Molte donne rinunciano a questi esami a causa del costo elevato.

III. Attività svolte nell'entroterra

Dal 23 al 25 ottobre 2018, la cellula IDD-Kikwit ha avviato campagne di sensibilizzazione nell'entroterra, in particolare nei mercati, negli ospedali per maternità e nelle scuole di Kikwit e Masi-Manimba. Questa squadra era composta da:

  1. Sig. Pierrot MUKENZI, infermiere e capo della cellula IDD Kikwit

  2. Sig.ra Mpia OLEME, infermiera e facilitatrice

  3. Sig. Désiré MASINI

  4. Signora Valentine KATEMBO

  5. Sig. Narro NSAY

  6. Sig.ra Esther MUKENZI

  7. Sig.ra Mado KAYANDA


La mattina del 23 ottobre, il nostro team ha battuto la campagna di sensibilizzazione sul cancro al seno al mercato di Kazamba a Kikwit, un mercato che accoglie i locali dei 12 villaggi circostanti. Alle 2 del pomeriggio, la squadra era attesa dal medico-direttore del Kikwit General Hospital. Lì, abbiamo parlato con le donne incinte che erano venute per un consulto prenatale mensile; ai neonati internati in maternità; e infermieri che tengono una riunione alla banca del sangue.

Il team IDD ha iniziato la giornata il 24 ottobre con una visita al centro sanitario LUNIA di Kikwit dove si sono incontrati, ancora una volta, con le donne venute per il consulto prenatale e per il parto.

Poi, ha fatto visita al Lycée Mawete dove il DLI ha deliziato 400 ragazze. Ci hanno chiesto di rifare la campagna.
La campagna di sensibilizzazione a Kikwit si è conclusa il 25 ottobre al mercato centrale della “Base City”.

Dal 26 ottobre la squadra è scesa a Masi-Manimba. Ottenute le autorizzazioni per la campagna, il 27 ottobre abbiamo sensibilizzato oltre 500 ragazze del Lycée Ngemba. Anche le giornate del 29 e 30 ottobre sono state molto movimentate. Siamo stati ricevuti alla missione cattolica di Lumbi; poi all'Istituto Superiore di Tecniche Mediche (ISTM) di Lumbi dove ci siamo rivolti a una platea di 266 studenti> Abbiamo concluso la campagna al Txingudi Secondary Hospital dove 5 dei 76 infermieri si erano uniti a noi per parlare di cancro al seno.

La tabella seguente rappresenta il numero di casi con sintomi di cancro al seno che necessitano della nostra assistenza.

Oltre a questo, devi saperne di più.

Studenti

Commessa di mercato

Dipendente)

KIKWIT

2

4

MASI-MANIMBA

5

1

1

Totale

7

5

1

13 CASI


È importante sottolineare che durante la campagna il team IDD-Kikwit ha registrato diversi casi di cancro cervicale e alcuni casi trascurati di cancro al seno a Lumbi.

Durante il mese di novembre 2018, il nostro team ha offerto screening gratuiti del diabete e dell'ipertensione con i mezzi a bordo. Sono stati registrati in totale 25 casi di diabete e 30 casi di ipertensione, seguiti dalle nostre infermiere a Kikwit.

RACCOMANDAZIONI

Come parte di questa importante campagna, DLI prevede di utilizzare tende in cui le nostre infermiere riceveranno donne e parleranno con loro del cancro al seno. Intendiamo lavorare in collaborazione con centri sanitari (dispensari).

Ciò consente di:

  1. Evita alcune seccature amministrative, ecc., Perché operiamo sotto la protezione di centri sanitari o ospedali partner.

  2. Misurare meglio i risultati e l'impatto della campagna,

  3. Per parlare con le donne in modo confidenziale


SUGGERIMENTI
 

  1. Aprire filiali nelle grandi città dell'entroterra, in particolare nel centro cittadino di Kikwit e Masi-Manimba per servire al meglio la popolazione;

  2. Continua la campagna a Bulungu, Kenge, Bandundu-ville e più lontano;

  3. Aumentare il numero di infermieri per la consapevolezza;

  4. Negoziare partnership con alcuni ospedali per lo screening; e la cura dei pazienti con cancro al seno (questi casi rappresentano un vero problema nella società);

  5. Dotare gli infermieri di misuratori della pressione sanguigna e glucometri per screening e controlli gratuiti dell'ipertensione arteriosa e del diabete;

  6. Acquisire motociclette per spostare la squadra in villaggi isolati di difficile accesso, soprattutto durante la stagione delle piogge;

  7. Acquisire alcune fotocamere e fotocamere digitali;

  8. Acquisisci 2 laptop;

  9. Acquista pannelli solari per ricaricare i nostri dispositivi elettrici

  10. Acquista stivali di plastica e impermeabili;

  11. Acquisire tende e sacchi a pelo per la squadra;

  12. Considera l'acquisto di un veicolo 4x4 per attraversare le aree a rischio.

Fatto a Kinshasa il 12 dicembre 2018
di Albertine DIANGANA, Presidente
a Kikwit di Pierrot MUKENZI, capo unità IDD-Kikwit
E-mail: iddongd2014@Gmail.com
bertine.dikinkela@Gmail.co m

Sito web: https://www.iddongd.com